martedì 1 settembre 2015

Settembre, tempo di bilanci e buoni propositi

Rieccomi qui, dopo una lunga pausa dalla tecnologia. Purtroppo o per fortuna, per un motivo o per un altro, durante queste vacanze mi sono connessa pochissimo.
In compenso, ho avuto un sacco di tempo per leggere, pensare e riflettere.


Lo sappiamo tutti, lo scrive ogni mamma blogger e non solo, a settembre si fa il bilancio dell'estate che sta finendo e i propositi per l'anno che sta iniziando (anche senza figli in età scolare, io da sempre ragiono in anni scolastici, credo continuerò a farlo fino alla pensione - quindi per sempre, sigh!).

Quindi, ecco che anch'io mi guardo indietro e avanti...e ho scoperto che:

..aver deciso di usufruire del congedo parentale (3 settimane di congedo + 3 settimane di ferie), stando insieme a Trottolo per 6 settimane ininterrotte, ha reso il nostro legame sempre più unico e speciale, ho finalmente potuto rivivere la sua quotidianità in toto e passare con lui tempo in quantità e qualità. Però ha reso difficilissima la ripresa della routine e il suo rientro dalla tagesmutter, perché in queste settimane mi si è attaccato tantissimo. Ma resto convinta che ne sia valsa la pena.

...i "terribili due" sono davvero terribili! Ma per fortuna essere in vacanza mi ha regalato badilate di pazienza che, credetemi, mi sono proprio servite!

...mio figlio è un cartone animato. Forse sono così tutti i bimbi di quasi due anni, ma noi siamo morti dalle risate! Fa dei discorsi tra il reale e la fantasia, ormai parla e compone frasi quasi complete...peccato che mischi elementi reali (tipo il nonno che taglia l'erba nel prato) con quelli dei libri che gli leggiamo in continuazione (il tagliaerba della Pimpa dorme e l'erbetta la mangiano le nuvolette-pecorelle). Quando apre bocca - ossia sempre - per parlare, non sai mai che perla ne uscirà, ed è un vero spasso!

...per certi versi sono contenta di essere rientrata a lavoro. Fare la mamma full time è faticoso, faticosissimo. Ma anche meraviglioso, meravigliosissimo (licenza letteraria, ndr). L'ideale per me (e forse per tutte le mamme? Lavorare part time, in modo da sentirmi realizzata come lavoratrice e come mamma e forse avere qualche senso di colpa in meno. Ma visto che non si può, mi tengo stretto il lavoro, il figlio, e gli inevitabili sensi di colpa e cerco di fare il meglio in tutti i ruoli. Obiettivo per quest'anno: fare del mio meglio, e ricordarmi di farlo col sorriso. E non farmi fagocitare dalle ansie e dalle scadenze.

...il tempo da dedicare al blog è sempre quello che è, ma voglio scrivere perché mi piace farlo, e quando ho qualcosa da condividere, non perché devo farlo o sperando di aumentare i miei follower. Anche se quest'ultima cosa non mi dispiacerebbe affatto! :-)

La conclusione? Che queste vacanze me le sono proprio godute, che adoro mio figlio e mio marito, che la casa nuova grazie alle settimane di ferie ormai è sempre più nostra (e forse vedo la fine in fondo al tunnel dell'arredamento!) e che...quanto manca alle prossime vacanze?!

Irene

2 commenti:

  1. Che ridere! Bellissimo post. Coinvolgente e emozionante, sembra di vivere con te le tue giornate. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuto! Grazie mille :-)

      Elimina